lunedì , luglio 15 2019
Home / Vita di Coppia / A Orvieto primo centro autorizzato in Umbria per corsi formativi Interventi Assistiti con gli Animali
A Orvieto primo centro autorizzato in Umbria per corsi formativi Interventi Assistiti con gli Animali

A Orvieto primo centro autorizzato in Umbria per corsi formativi Interventi Assistiti con gli Animali

share

Come preannunciato, nella conferenza stampa tenutasi ieri presso l’Aula Magna di Palazzo Negroni, la Fondazione per il Centro Studi “Città di Orvieto” ed il CERSAL hanno presentato i corsi di formazione sugli Interventi Assistiti con Animali. La Fondazione per il Centro Studi “Città di Orvieto”, infatti, è stata riconosciuta dalla Regione Umbria come Ente idoneo all’erogazione di corsi di formazione in materia di IAA e può, quindi, dare vita al primo centro autorizzato in Umbria.

Uniformandosi alle indicazioni contenute nelle linee guida nazionali sugli IAA e nelle relative note del Ministero della Salute, la Fondazione si è dotata di tutti i requisiti indispensabili per l’erogazione della formazione in materia, quali la presenza di una Segreteria Scientifica, di un team di docenti qualificati e della collaborazione con strutture idonee ad accogliere gli allievi per lo svolgimento della parte pratica e del tirocinio obbligatorio nei percorsi formativi.

Con la conferenza stampa odierna è ufficialmente iniziata la campagna informativa per lanciare i primi corsi di formazione, a partire dal “corso propedeutico” (inizio previsto in settembre) che dovrà essere frequentato da tutte le figure professionali e dagli operatori che intendono intraprendere queste attività. Seguirà l’attivazione di “corsi base” per coadiutore del cavallo, del cane e degli animali d’affezione, nonché corsi base per veterinari, responsabili di progetto e referenti d’intervento. In seguito, verrà attivato il “corso avanzato” che rappresenta l’ultimo grado di formazione per chiunque voglia lavorare nell’ambito degli IAA.

I contenuti, gli obiettivi formativi e le modalità di svolgimento dei corsi sono stati illustrati, alla presenza del Sindaco del Comune di Orvieto, Roberta Tardani, dal Dott. Marco Cristofori, coordinatore del Comitato Scientifico del CERSAL e dalla Dott.ssa Elisa Marceddu, componente della Segreteria Scientifica IAA della Fondazione CSCO.
 
Il Presidente Matteo Tonelli, ha espresso la soddisfazione della Fondazione per il Centro Studi “Città di Orvieto” per il riconoscimento, primo in Umbria, quale ente accreditato per la formazione di figure professionali ed operatori in Interventi Assistiti con Animali.
“Il CERSAL – ha affermato Tonelli – è  un centro di ricerca e formazione che è sostanzialmente una branca delle attività del Centro Studi, sicuramente tra le più dinamiche e prestigiose, senza comunque nulla togliere alle molte altre attività che stiamo sviluppando in ambiti diversi in collaborazione con partners di grande livello. È un po’ la rappresentazione pratica del progetto e della visione secondo i quali in questi anni abbiamo cercato di caratterizzare il Centro Studi: abbiamo cercato di farlo diventare un luogo d’incontro e di condivisione di progetti formativi, in grado di attrarre figure, Enti e Istituzioni di alto profilo, questo con l’umiltà e la consapevolezza che le sole risorse che il Centro Studi può mettere in campo non sono sufficienti per un percorso di effettiva crescita, e che soltanto attraverso partnership di alto livello questo risultato sarebbe stato possibile”.

“Faccio solo un cenno agli effetti pratici delle attività del CERSAL per la nostra città – ha proseguito Tonelli – i seminari e gli eventi formativi hanno fatto registrare oltre 700 presenze. Sono previste tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 circa 20 giornate formative con una stima di almeno 1.300 presenze, senza contare i numerosi esperti, studiosi, professionisti con cui il Centro entra in contatto e che ad Orvieto svolgono in questo contesto attività di ricerca, programmazione e progettazione. Con l’Università di Perugia ed il Centro Salute Globale della Regione Toscana si sta lavorando alla programmazione di un Master di II livello in Salute Nutrizionale Unica e Globale con sede didattica presso il Centro Studi ‘Città di Orvieto’”.

Il Sindaco, Roberta Tardani da parte sua ha colto l’occasione per confermare “l’impegno preso dall’Amministrazione Comunale all’inizio del mandato perché il Centro Studi ‘Città di Orvieto’ possa consolidare e sviluppare il suo ruolo di centro d’eccellenza formativa e, in quest’ambito, il CERSAL possa svolgere la sua funzione di motore ed attrattore di attività di ricerca ed alta formazione nel settore che gli è proprio, quello della salute unica e globale e dell’alimentazione”.

Stefano Rumori, Presidente regionale UISP Umbria e membro della Direzione nazionale dell’Unione Italiana Sport per Tutti, ha sottolineato l’importanza che la sua organizzazione annette  al progetto condiviso con la Fondazione per il Centro Studi “Città di Orvieto” ed il CERSAL per la formazione degli istruttori ed operatori UISP a livello nazionale nel settore degli IAA.

È stata poi la volta del Dott. Marco Cristofori e della Dott.ssa Elisa Marceddu che, dopo aver illustrato le finalità istituzionali e le attività scientifiche e formative del CERSAL, si sono soffermati sui programmi dei corsi che, gradualmente, prenderanno il via a partire dal mese di settembre.

Gli IAA comprendono: la Terapia Assistita con Animali (TAA), finalizzata alla cura di disturbi della sfera fisica, neuro e psicomotoria, cognitiva, emotiva e relazionale, rivolta a soggetti con patologie fisiche, psichiche, sensoriali o plurime, di qualunque origine; l’Educazione Assistita con Animali (EAA), intervento di tipo educativo che ha il fine di promuovere  l’inserimento sociale di persone con difficoltà, contribuendo a migliorarne la qualità della vita ed a rinforzarne l’autostima; l’Attività Assistita con Animali (AAA), intervento con finalità di tipo ludico-ricreativo e di socializzazione, attraverso il quale si promuove il miglioramento della qualità della vita e la corretta interazione uomo-animale.

Gli IAA prevedono il coinvolgimento di un’équipe multidisciplinare composta da figure professionali ed operatori in possesso di conoscenze e competenze specifiche acquisite attraverso un percorso formativo che comprende un corso propedeutico, un corso base ed un corso avanzato.

L’iter formativo di ogni singolo soggetto deve essere completato in un arco di tempo non superiore a quattro anni ed al suo termine viene rilasciato un attestato di idoneità agli IAA.
In particolare per tutti gli IAA è prevista la presenza di un medico veterinario esperto in IAA ed un coadiutore dell’animale. Per la TAA e l’EAA, inoltre sono previsti un responsabile di progetto ed un referente d’intervento. Per le AAA, infine, è necessario un responsabile d’attività.

Il corso propedeutico (21 ore di lezione in aula) è comune a tutte le figure professionali coinvolte e fornisce nozioni di base sugli IAA e sulla relazione uomo−animale, sugli aspetti deontologici, sulla normativa nazionale ed i contenuti delle linee guida. Consente inoltre di approfondire le conoscenze sul ruolo dell’équipe e sulle responsabilità delle diverse figure professionali e degli operatori, nonché di far conoscere ai discenti alcune esperienze di IAA. Attraverso tale corso i discenti acquisiranno competenze di base nell’ambito della progettazione di IAA e specifiche della propria professionalità; inoltre comprenderanno il ruolo delle figure professionali e degli operatori all’interno dell’équipe ed impareranno a rapportarsi con i diversi componenti dell’équipe stessa.
 
Il corso base di 56 ore per il coadiutore dell’animale (asino, cavallo, cane) approfondisce le competenze specifiche di chi dovrà curare la corretta gestione dell’animale ai fini dell’interazione, coerentemente con il contesto e gli obiettivi dell’intervento. Inoltre, insegna a monitorare lo stato di salute ed il benessere dell’animale impiegato, individuando i segnali di malessere (sia fisici che psichici), secondo i criteri stabiliti dal medico veterinario e ad applicare metodi per la preparazione dell’animale all`interazione in un setting di IAA in diversi ambiti terapeutici, educativi, di attività culturale e di socializzazione. Il corso fornisce conoscenze teoriche ed applicate sulle caratteristiche degli utenti e degli IAA, nonché elementi di etologia e di pratica di gestione specie−specifica necessari alla coppia animale − coadiutore per poter far parte dell’équipe di lavoro in un progetto di IAA e consente di conoscere alcune attività di centri specializzati per gli IAA. Possono accedere al corso base i possessori dell’attestato di partecipazione al corso propedeutico.

Il corso base per medici veterinari (40 ore) è rivolto a quei professionisti che abbiano superato il corso propedeutico ed intendano operare negli IAA. Approfondisce le competenze specifiche in IAA del medico veterinario, quale figura professionale che collabora  con  il  responsabile  di  progetto  nella  scelta  della  specie  animale  e  della  coppia  coadiutore− animale, valuta i requisiti sanitari e comportamentali dell’ animale impiegato, indirizza alla corretta gestione dell’animale nel setting operativo assumendone la responsabilità.
Il corso fornisce elementi utili per garantire il benessere e la salute dell’animale in relazione all’impiego dello stesso negli IAA; inoltre consente di migliorare la conoscenza degli aspetti etologici delle specie animali impiegate, anche al fine di operare la scelta della specie e della coppia animale−coadiutore più idonei allo specifico progetto. I partecipanti comprenderanno l’importanza del loro ruolo all’interno dell’équipe multidisciplinare ed apprenderanno le modalità di relazione con enti pubblici e privati che erogano progetti di lAA.

Il corso base per responsabili di progetto e referenti d’intervento TAA ed EAA (40 ore) è rivolto a coloro che vogliono acquisire nelle TAAƒEAA il ruolo di responsabili di progetto o referenti di intervento.
Costituiscono requisiti d’accesso il titolo di studio previsto per le specifiche professionalità e l’attestato di partecipazione al corso propedeutico.
Il corso fornisce approfondimenti normativi per quanto riguarda il responsabile di progetto, approfondisce le competenze specifiche in TAA ed EAA per individuare gli obiettivi terapeutici e/o educativi dei progetti, in stretta collaborazione con tutte le figure professionali e gli operatori dellìéquipe di riferimento che coordina, indirizzare la fase progettuale, la programmazione dellìintervento, la valutazione degli obiettivi terapeutici e la tutela dei pazienti/utenti coinvolti.

Al termine di ciascuno dei corsi precedenti è rilasciato un attestato di partecipazione al discente che abbia frequentato almeno il 90% delle ore previste, previa verifica del livello di apprendimento con test. Nel caso del corso base per coadiutore dell’animale, è prevista anche una prova pratica.

Il corso avanzato (un totale di 120 ore, delle quali 72 in aula, 32 di esperienza pratica, 16 di visite guidate) è rivolto a quanti abbiano partecipato e superato i corsi base per coadiutori dell’animale, medici veterinari, responsabili di progetto e referenti di intervento.
Il corso avanzato completa l’iter formativo per tutte le ligure professionali ed operatori dell’équipe degli IAA e fornisce le conoscenze tecniche, educative e cliniche per poter svolgere il lavoro di équipe negli IAA. Fornisce inoltre le competenze necessarie per poter gestire le dinamiche di gruppo, indispensabili a tutti i componenti dell’équipe multidisciplinare per operare con efficacia ed efficienza, in quanto i membri provengono da realtà formative e professionali diverse che devono convergere in un nuovo equilibrio organizzativo ed operativo.
Attraverso l’analisi e lo studio di esperienze di IAA realizzate sull’intero territorio nazionale ed internazionale, i partecipanti apprenderanno le dinamiche dell’interazione dell’équipe multidisciplinare che opera in IAA e gli specifici ruoli e responsabilità delle figure professionali e degli operatori che la costituiscono.

Al termine del corso avanzato, il discente conseguirà l’attestato di idoneità specifico per la propria professionalità, a condizione di aver frequentato il 90% delle ore previste, completato l’intero iter in un arco di tempo non superiore a quattro anni, partecipato alle visite guidate, svolto i previsti periodi di stage presso una struttura operante negli IAA ed elaborato e discusso una tesina finale.

Per informazioni:  info@cersal.net ; Fondazione CSCO, tel. 0763.393496.

share

Leggi Anche

Temptation Island, Nunzia e Arcangelo: il web infuriato si scaglia contro la fidanzata

Temptation Island, Nunzia e Arcangelo: il web infuriato si scaglia contro la fidanzata

Nunzia e Arcangelo Temptation Island 2019, il comportamento di lei fa scattare la polemica sul …