martedì , marzo 19 2019
Home / Vivere Bene / Alimenti wellness: le proprietà del latte di cammella
Alimenti wellness: le proprietà del latte di cammella

Alimenti wellness: le proprietà del latte di cammella

Il latte di cammello è da sempre un alimento base di sussistenza per le popolazioni delle zone desertiche e il suo consumo è piuttosto diffuso anche nelle città dei Paesi mediorientali, nei quali viene utilizzato come alimento, per preparare caffelatte e cappuccini, o come base per il gelato. Ha un sapore leggermente sapido, subito dopo la mungitura è di colore bianchissimo o tendente al rosa e ha caratteristiche biochimiche che lo rendono molto simile al latte materno umano. Come quest’ultimo, infatti, è privo di betalattoglobulina, una proteina in grado di determinare reazioni allergiche, per cui può essere consumato anche da chi soffre di intolleranza al prodotto vaccino.

Tra le sue proprietà nutrizionali, spicca il suo ricco contenuto di vitamine, in particolare di vitamina C (circa il triplo rispetto al latte vaccino), e del gruppo B, utili per aumentare la produzione di collagene e per combattere i radicai liberi, responsabili dell’invecchiamento. Contiene anche buoni quantitativi di ferro, calcio, acidi grassi insaturi e collagene, che aiuta a conservare l’elasticità della pelle. Secondo alcuni studi, ha la proprietà di rinforzare il sistema immunitario e ha un moderato effetto ipoglicemizzante, che lo renderebbe utile per i diabetici. Da secoli le popolazioni del deserto ne sfruttano le proprietà curative e in India viene utilizzato addirittura come medicinale.

E’ di questi giorni la notizia della creazione a Fuerteventura, nelle Isole Canarie, del primo allevamento di cammelli e dromedari da latte, per diffondere in Europa il consumo di questo prezioso alimento, per tutelare la sopravvivenza di cammelli e dromedari, e soprattutto per disporre di una produzione sicura e controllata dal punto di vista igienico-sanitario. Il latte di cammella infatti, non può essere pastorizzato senza perdere le sue valenze nutrizionali: in effetti, dal 1993 le importazioni nel Vecchio Continente di latte e di prodotti derivati da latte crudo di cammello e dromedario sono autorizzati solo se provenienti dall’Emirato di Dubai, dove l’alimentazione degli animali e le condizioni igieniche sono sottoposte a controlli adeguati. Attualmente in Europa questo tipo di latte è acquistabile in alcuni negozi di benessere e ha un costo decisamente più elevato di quello vaccino (mezzo litro di latte può costare anche una decina di euro).

Anche se una cammella produce appena cinque litri di latte al giorno e una dromedaria 20, l’allevamento di questi animali è più sostenibile rispetto a quello dei bovini e può essere praticato anche in condizioni climatiche molto difficili: il deserto è l’habitat naturale di questi animali, un luogo nel quale la selezione naturale li ha resi capaci di sopravvivere a lunghi periodi di digiuno e di carenza di acqua.

Il loro latte è anche un valido alleato di bellezza, come hanno dimostrato anche alcuni studi recenti. L’elevato contenuto di acido lattico e acido alfa-idrossido, lo stesso che viene impiegato negli esfolianti, e di elastina, vitamina C e lanolina lo rende un’arma efficace nel contrastare l’invecchiamento e un aiuto in casi di pelle infiammata e irritata. Per questo esistono in commercio alcune linee di cosmetici idratanti e nutrienti utili nel prevenire la formazione di rughe e per contrastare l’invecchiamento della pelle.

Leggi Anche

Ekso, l'esoscheletro riabilitativo per la riabilitazione post ictus | Salute

Ekso, l’esoscheletro riabilitativo per la riabilitazione post ictus | Salute

Si chiama Ekso ed è un esoscheletro riabilitativo robotizzato: una struttura di acciaio che supporta …