sabato , novembre 17 2018
Home / Sessualità e Amore / Asia Argento ha pagato un giovane attore che la aveva accusata di …
Asia Argento ha pagato un giovane attore che la aveva accusata di ...

Asia Argento ha pagato un giovane attore che la aveva accusata di …

Asia Argento, la famosa attrice italiana di cui si è molto parlato negli ultimi mesi per il suo ruolo nel movimento #metoo contro gli abusi sulle donne, ha pagato un giovane attore statunitense – Jimmy Bennett – che l’aveva accusata di violenza sessuale. La notizia è stata data dal New York Times, che ha ricevuto in forma anonima i documenti legali che testimoniano l’accordo raggiunto lo scorso aprile.

Nei documenti ottenuti dal New York Times, Bennett racconta di essere stato aggredito sessualmente da Argento nel maggio 2013, quando lui aveva da poco compiuto 17 anni e lei ne aveva 37. Argento e Bennett – che ha avuto una discreta carriera da attore-bambino – avevano lavorato insieme in un film circa 10 anni prima, e da allora avevano mantenuto una relazione che Bennett ha descritto – nei documenti visti dal New York Times – come quella tra una madre e un figlio. L’aggressione sessuale sarebbe avvenuta in un albergo di Marina del Rey, in California, dove Argento e Bennett si incontrarono il 9 maggio 2013. Bennett ha raccontato che Argento gli fece bere degli alcolici, lo spogliò, gli praticò del sesso orale prima di fare del sesso con penetrazione e poi gli chiese di scattare una serie di foto di loro due. Una è stata vista anche dal New York Times: è un selfie che mostra Argento e Bennett insieme sdraiati su un letto.

La richiesta di danni di Bennett – che oggi ha 22 anni – era stata fatta un mese dopo che la testimonianza di Asia Argento era stata inclusa in un famoso articolo del New Yorker che accusava di violenze sessuali il produttore statunitense Harvey Weinstein. Inizialmente Bennett aveva chiesto 3,5 milioni di dollari di danni: il suo avvocato e l’avvocata di Argento – Carrie Golberg, esperta di casi di ricatti – hanno poi trovato un accordo sul pagamento di 380.000 dollari da parte di Argento (circa 330.000 euro). Nei documenti che le parti si sono scambiate per definire l’accordo, Goldberg dice di sperare che i soldi possano “aiutare” Bennett. L’accordo non prevedeva nessun vincolo di segretezza tra le parti – è vietato dalle legge californiana, ma i documenti spiegano come Argento non volesse imporre una clausola di segretezza – e quindi sia Bennett che Argento avrebbero potuto parlare dei fatti al centro dell’accordo. L’accordo impediva però a Bennett di fare causa ad Argento o chiederle altri soldi e trasferiva ad Argento i diritti sui selfie scattati nel giorno della presunta aggressione (le foto sono dunque diventate legalmente di Argento).

Bennett e Argento si sono rifiutati di essere intervistati dal New York Times per commentare la storia e lo stesso ha fatto l’avvocata di Argento. Gordon K. Sattro, avvocato di Bennett, ha risposto a una mail del New York Times scrivendo solo che Bennett ora si concentrerà sulla sua carriera da musicista. Il New York Times ha comunque trovato tre persone a conoscenza dei fatti che hanno confermato l’autenticità dei documenti ricevuti dal giornale. L’incontro del 9 maggio 2013 tra Argento e Bennett, inoltre, è testimoniato da due fotografie pubblicate da Argento sul suo account Instagram. Una è una foto di lei con la didascalia “Sto aspettando con ansia il mio figlio perduto il mio amore @jimmymbennett #marinadelrey fumando sigarette come non ci fosse un domani”, a cui Bennett commentò “Ci sono quasi! :)”. La seconda è una foto pubblicata più tardi lo stesso giorno sempre da Argento: mostra i volti suo e di Bennett e la didascalia dice “Giorno più bello della mia vita reunion con @jimmymbennett xox, jimmy sarà nel mio prossimo film e questo è un fatto, preparati jack”.

La seconda foto – insieme ad altre che sembrano tutte essere dello stesso giorno – è stata inclusa dall’avvocato di Bennett nella lettera del novembre 2017 con cui veniva fatta la prima richiesta di risarcimento ad Argento. Nella lettera è scritto che dopo l’incontro con Argento – che terminò con un pranzo insieme – Bennett tornò a casa sentendosi “estremamente confuso, mortificato e disgustato” ed è spiegato che quell’incontro ha avuto su di lui degli effetti traumatici, intralciando la sua carriera da attore e mettendo a rischio la sua salute mentale. Nei cinque anni precedenti al 2013, scrive il New York Times, Bennett aveva guadagnato 2,7 milioni di dollari, poi i suoi guadagni sono crollati a circa 60.000 dollari all’anno: una circostanza che l’avvocato di Bennett ha descritto come una conseguenza dell’aggressione sessuale da parte di Argento. Il risarcimento richiesto serviva per ricompensare Bennett dei danni morali e materiali dell’aggressione subita.

Nei documenti visti dal New York Times si dice che Bennett aveva deciso di farsi avanti con la sua richiesta di risarcimento dopo che Argento aveva raccontato le aggressioni sessuali subite da parte del produttore cinematografico Harvey Weistein, che lo scorso anno è stato accusato di molestie, stupro e altri comportamenti scorretti da parte di decine di donne. Argento è poi diventata una delle figure di maggiore spicco a livello mondiale a parlare del problema delle molestie nel mondo del cinema. Lei e Bennett si erano conosciuti quando Bennett era stato scelto per interpretare il ruolo del figlio del personaggio di Asia Argento nel film del 2004 Ingannevole è il cuore più di ogni cosa (uscito in Italia nel 2005). Il film – tratto un romanzo di J.T. Leroy – racconta la storia di una donna tossicodipendente e di suo figlio, che subisce gravi abusi dagli uomini che lei frequenta e dai genitori di lei.

Bennett, che al tempo aveva 7 anni, recitava da poco più di un anno ma aveva già partecipato a diversi film, uno dei quali – L’asilo dei papà – con Eddie Murphy. La sua carriera è poi continuata sia nel cinema che nella musica. Nel 2013, nei mesi successivi all’incontro con Argento, Bennett iniziò anche un contenzioso legale con i suoi genitori, che lui accusò di avergli rubato circa 1,5 milioni di dollari e di averlo cacciato di casa lasciandolo senza soldi. La questione si chiuse nel 2014 con un accordo privato tra le parti. Il New York Times ha visto un messaggio di Twitter che Bennett mandò ad Argento nel giugno 2013, circa un mese dopo il loro incontro, con scritto “Mi manchi mammina!!!!” e una foto di un braccialetto che Argento gli aveva regalato per ricordare il film fatto insieme.

L’accordo raggiunto lo scorso aprile prevedeva due pagamenti da parte di Argento per un totale di 380.000 euro. Il primo pagamento, da 200.000 dollari, era previsto già per aprile. Argento, che oggi ha 42 anni, vive a Roma e ha un figlio e una figlia, avuti da due diverse relazioni.

Leggi Anche

Oroscopo del giorno 17 Novembre 2018 a cura di Artemis

Oroscopo del giorno 17 Novembre 2018 a cura di Artemis

(21 marzo – 20 aprile) La posizione armonica di Giove nel vostro segno è di …