domenica , dicembre 16 2018
Home / Vita di Coppia / Chi è il fidanzato di Corinne Clery? Angelo Costabile il toy boy dell …
Chi è il fidanzato di Corinne Clery? Angelo Costabile il toy boy dell ...

Chi è il fidanzato di Corinne Clery? Angelo Costabile il toy boy dell …

Chi è il fidanzato di Corinne Clery? Tutti i segreti di Angelo Costabile il toy boy dell’attrice italiana

Corinne Clery è all’interno della casa del Grande Fratello Vip. La concorrente è entrata a reality iniziato insieme a Raffaello Tonon e Carmen Russo. L’attrice italiana però non è la prima volta che si presta a apparizioni in trasmissioni di questo tipo, un paio d’anni fa infatti la francese partecipò insieme al compagno Angelo Costabile a Pechino Express. Chi è però il fidanzato di Corinne Clery?

Angelo Costabile ha quasi 40 anni ed è calabrese, più precisamente di Paola, paese della provincia di Cosenza. Il giovane prima di approdare a Roma aveva il sogno di diventare un calciatore famoso, poi sfumato a causa di limiti agonistici. Arrivato nella capitale però un giovanissimo Angelo ha deciso di intraprendere tutt’altra carriera nel mondo dello spettacolo. Angelo Costabile è diventato un attore di successo grazie ad apparizioni in telefilm italiani come Don Matteo.

La storia con Corinne Clery inizia 7 anni fa quando l’attrice dopo la morte del marito decide di voltare pagina. All’età di 60 anni la francese intraprende una relazione con un uomo 27 anni più piccolo di lei, il 33enne Angelo. Corinne Clery però come espresso qualche anno fa durante Pechino Express, in cui le litigate con il compagno erano all’ordine del giorno, ha delle perplessità sulla sua storia d’amore con il giovane fidanzato. Perplessità che l’attrice ha espresso agli altri coinquilini della casa del Grande Fratello Vip.

“Da quando non ho più Giuseppe (il suo marito defunto, ndr) vivo in simbiosi con lui – ha confessato Corinne Clery a Carmen Russo -. Chissà se nell’arco di un paio d’anni riuscirò a incontrare un uomo con cui trascorrere la mia vita? Angelo si farà sicuramente, troverà una donna pure lui. Finché avevo 60 anni sembravo una ragazzina. Io non mi creo i problemi, ma me l’aspetto. Noto delle cose. Lui è molto attaccato a me, ma non stiamo insieme da ottant’anni, solo da sette. Non c’è più questa… e allora mi rompo le balle. Perché non è che parliamo di chissà che poi. Oddio, le cose importanti le dice sempre, però ha uno spirito infantile e non ha la cultura”. “Delle cose mi innervosiscono. Sono io limitata. Vorrei tornasse a essere più affettuoso, –  ha concluso – però adesso ho bisogno di lui e di questo rapporto”.

17:58 | 26/10/17 | di Giulia Galletta

Leggi Anche

Come aiutare la madre e la vita che nasce

Come aiutare la madre e la vita che nasce

Da Romasette del 2 marzo 1975 «Non felicitatemi per questa vittoria. L’aborto non è una …