lunedì , novembre 12 2018
Home / Medicina Oggi / “Così le staminali riaccendono la vista”
“Così le staminali riaccendono la vista”

“Così le staminali riaccendono la vista”

Cellule staminali del sangue corrette in laboratorio per curare una malattia rara che compromette il sistema immunitario. E staminali limbari che rigenerano la cornea ustionata.

Se questo è già realtà grazie a due terapie made in Italy (Strimvelis per l’Ada-Scid e Holoclar per le ustioni dell’occhio), con le staminali si progettano altre cure rivoluzionarie: dalle malattie cardiache – il «big killer» del secolo – a quelle neurodegenerative, il cui impatto aumenta esponenzialmente. «In 30 anni il mondo ha fatto passi da gigante nella biologia molecolare e cellulare e ora viviamo un momento storico particolare: possiamo correggere il genoma umano per salvaguardare la nostra salute».

Così Michele De Luca – star della biochimica – sottolinea i successi dell’ingegneria genetica: la possibilità di curarci intervenendo sul Dna, correggendo gli errori che causano le malattie e sfruttando le capacità dell’organismo di rigenerarsi per creare in laboratorio tessuti e organi con cui sostituire quelli danneggiati. È un universo di nuove prospettive che ha raccontato al pubblico di «Science the City», la rassegna organizzata dell’Icgeb, il Centro internazionale di ingegneria genetica e biotecnologie a Trieste.

Professore di biochimica e direttore del Centro di medicina rigenerativa «Stefano Ferrari» dell’Università di Modena e Reggio Emilia, De Luca è artefice, con Graziella Pellegrini, della prima terapia cellulare per la rigenerazione della cornea ustionata. Al loro lavoro di ricerca si deve il primo farmaco a base di staminali, disponibile dal 2015, proprio per le ustioni oculari.

E pionieristico è il lavoro che ha portato alla prima sperimentazione clinica della terapia genica per l’epidermolisi bollosa, una grave malattia genetica dell’epidermide. L’intervento salvavita con cui è stato effettuato il trapianto di staminali sull’80% della cute del piccolo Hassan, geneticamente corrette per garantire il rinnovo del tessuto, è una pietra miliare della medicina rigenerativa.

.

Leggi Anche

Passi avanti per il vaccino contro l’Ebola

Emma è rimasta in isolamento per 6 giorni a casa e poi è stata portata …