sabato , gennaio 19 2019
Home / Vivere Bene / Deficit cognitivi e patologie croniche. 2 proteine attivate dall …

Deficit cognitivi e patologie croniche. 2 proteine attivate dall …

Recenti studi scientifici svolti in collaborazione da UPMC- Centro Medico dell’Università di Pittsburgh (Stati Uniti) e UPMC Italy hanno dimostrato che la regolare pratica fisica di tipo aerobico e di media intensità, ha un’azione anti-aging e riabilitativa. Programmi di attività fisica, studiati su misura del paziente, potrebbero decelerare l’insorgenza o gli esiti di malattie metaboliche e croniche, tipiche dell’invecchiamento. Sensibili miglioramenti derivanti dall’esercizio fisico sono stati osservati su patologie osteoarticolari, come l’artrosi, o sistemiche come il fegato grasso

Chianciano Terme, 3 maggio 2018 – L’efficienza fisica e mentale è questione anche di proteine. Nuove ricerche scientifiche, di cui alcune condotte da ricercatori di UPMC- Centro Medico dell’Università di Pittsburgh, Stati Uniti, e UPMC Italy attestano che esistono alcune proteine ‘atletiche’, almeno due, in grado di rallentare l’invecchiamento cellulare, e dunque anche biologico, offrendo all’organismo più quantità e qualità di vita.

La prima proteina si chiama klotho, è un ormone appartenente alla famiglia di proteine transmembrane, e ha un ruolo chiave nell’aumentare la sensibilità delle cellule all’insulina, ma anche nella regolazione del metabolismo e dei processi di invecchiamento, con benefici tanto migliori se la sua attività è stimolata dall’esercizio fisico.

La seconda è la miochina, una sostanza prodotta e rilasciata dalle fibre muscolari quando vengono sottoposte a contrazione, come accade in ogni azione che prevede movimento, e che esercita i suoi ‘vitali’ effetti sull’intero organismo.

Klotho e miochina sarebbero in grado di rallentare gli esiti dell’invecchiamento, specie in pazienti senior, contrastando la perdita di forza e massa muscolare, potenziando invece la funzionalità cardiovascolare, la resistenza delle cellule allo stress e la migliore preservazione delle facoltà cognitive.

Le conclusioni di questi studi affascinanti saranno presentate oggi a Chianciano Terme, in occasione del workshop Internazionale “Esercizio fisico come strumento di prevenzione e cura: oltre il concetto di riabilitazione”, insieme a diverse altre scoperte riguardanti la comprensione dei meccanismi alla base dei benefici per la salute dell’organismo indotti dall’esercizio fisico.

“Le nostre ultime ricerche – spiega la dottoressa Fabrisia Ambrosio, Associate Professor del Dipartimento di Medicina fisica e Riabilitazione dell’Università di Pittsburgh e Direttore della Riabilitazione per UPMC International – hanno dimostrato che l’attività contrattile muscolare indotta dall’esercizio fisico e dalla stimolazione elettrica neuromuscolare è in grado di fare aumentare i livelli di Klotho e il potenziale rigenerativo dei muscoli nei pazienti anziani, con sensibili vantaggi sulla ridotta progressione delle patologie neurodegenerative. I promettenti risultati ottenuti fanno ritenere che l’esercizio fisico, introdotto in programmi di riabilitazione personalizzati in base alle condizioni fisiche del paziente, possa contribuire a contrastare il declino di tessuti e fibre muscolari così come delle facoltà cognitive, preservando in particolare la memoria”.

È invece in corso uno studio condotto da UPMC e ISMETT e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico italiano, per valutare la potenzialità della stimolazione elettrica neuromuscolare nel prevenire declini cognitivi anche in pazienti lungodegenti in terapia intensiva.

I benefici esercitati dall’attività fisica sono evidenti anche in caso di patologie ortopediche, come l’artrosi, una malattia cronica degenerativa prevalentemente a carico degli arti inferiori tra cui anche, ginocchia e segmento tibio-tarsica, ma anche del rachide lombare e cervicale.
L’artrosi interessa all’incirca un terzo della popolazione italiana sopra i 65 anni, con un sensibile impatto sulla qualità della vita a causa del dolore, la scarsa mobilità e la perdita di autonomia.

“L’attività fisica – dichiara il dottor Marco Chillemi, specialista in Ortopedia e Traumatologia all’Università di Perugia e collaboratore alla Terme di Chianciano – inserita in un programma di prevenzione primaria, con esercizi di rinforzo muscolare e fitness aerobico, specie nel paziente anziano artrosico, contribuisce all’attenuazione del dolore, ripristinando la funzione articolare, il generale miglioramento dello stato di salute e della qualità della vita”.

Buone notizie anche riguardo al fegato grasso, una patologia che causa l’accumulo di grassi a livello epatico con effetti infiammatori, che in Italia ha una prevalenza di circa il 25-30%, e interessa più di frequente pazienti con disturbi cardiovascolari, sindrome metabolica, patologie neurodegenerative o neoplastiche: “Esistono evidenze scientifiche – conclude il professor Ferruccio Bonino, di UPMC Institute for Health e Università di Pisa – che l’esercizio fisico di tipo aerobico, indipendentemente dalla frequenza e intensità, introdotto in programmi terapeutici riabilitativi dedicati, è in grado di migliorare la sintomatologia e le condizioni di pazienti affetti da fegato grasso, anche in condizione di sovrappeso e/o obesità”.

Leggi Anche

Arriva la 'app' personal trainer per il cuore

Arriva la ‘app’ personal trainer per il cuore

Grazie alla Campagna PERCORSO (PERché Camminare favOrisce la Riduzione del riSchio cardiOvascolare), promossa dalla Società …