Home / Viaggiare / Eurovision 2018, intervista a The Humans: “Per la Romania, ma con …
Eurovision 2018, intervista a The Humans: “Per la Romania, ma con ...

Eurovision 2018, intervista a The Humans: “Per la Romania, ma con …

Li potremo ascoltare nella seconda semifinale dell’Eurovision Song Contest giovedì 10 maggio alle 21 su Rai4, ma intanto andiamo alla loro scoperta attraverso l’intervista che ci hanno concesso.

Parliamo di The Humans, la band che ha vinto la selezione nazionale della Romania e che a Lisbona canteranno “Goodbye“. A rispondere alle nostre domande è la cantante Cristina Caramarcu.

Anzitutto, parliamo di voi. Come mai il nome The Humans? Venite da diverse esperienze musicali, come e quando nasce l’idea di mettervi insieme e poi tentare l’esperienza eurovisiva? Quali sono i vostri riferimenti musicali?

Il nome The Humans nasce proprio perché noi crediamo molto nell’umanità ed in questo momento storico crediamo che sia proprio quello di cui ci sia più bisogno. Ognuno di noi ha alle spalle già tanta esperienza musicale e televisiva.

Il gruppo è nato appena un anno prima di vincere la selezione nazionale di Eurovision Romania: abbiamo sempre creduto che questa fosse la canzone perfetta per vincere. E così alla fine è stato. Facciamo soprattutto pop rock, non abbiamo grandi riferimenti, se non la musica scritta da noi stessi.

Per Cristina: come mai parli bene italiano? Hai qualche legame con l’Italia?

Eh si! L’amore è il mio legame con l’Italia. Vivo una bella storia con un ragazzo italiano che mi ha sempre sostenuto durante il concorso e non solo.

Per Cristina: sei stata lanciata da The Voice, dove eri nella squadra capitanata da Smiley, uno dei maggiori artisti rumeni. Quanto  è servita quella esperienza? Siete rimasti in contatto?

L’esperienza di The Voice mi è servita sicuramente tanto. Mi ha aperto tante porte e da allora ho stretto molti rapporti nell’ambiente musicale. Smiley è senza dubbio una bella persona e prima del concorso si è anche complimentato per il nostro pezzo.

La Romania ha una buona tradizione nel concorso, spesso è andata vicina alla vittoria, ma ancora non c’è riuscita. Cosa manca per fare il salto di qualità?

Sinceramente non lo so e non è  facile rispondere, ma non credo esista un’unica ricetta. Spesso abbiamo visto vincere pezzi che poco avevano a che fare con i vincitori degli anni precedenti. Penso che oltre ad un buon pezzo, serva fascino e, come in tutte le cose, un pizzico di fortuna.

Cosa vi aspettate da questa partecipazione eurovisiva, al di là del risultato?

Ci auguriamo che per noi possa essere l’inizio di uno sbocco verso l’estero. Vogliamo portare la nostra musica anche fuori dai confini nazionali.

Le band che hanno rappresentato la Romania non hanno avuto grande fortuna (escludendo i System, che accompagnavano Luminita Anghel, miglior piazzamento il dodicesimo posto dei Mandinga nel 2012). Sarà per voi uno stimolo in più, in questa edizione…

Assolutamente si, crediamo molto in noi e nella nostra canzone. Daremo il meglio e senza rimpianti.

Quali sono le vostre canzoni eurovisive preferite e quali invece fra quelle che hanno rappresentato la Romania?

‘Euphoria’ di Loreen è sicuramente fra i nostri pezzi preferiti in generale, mentre per quanto riguarda la Romania, ‘Let me try’ di Luminița Anghel System (2005) e ‘Playing with fire’ di Paula Seling Ovi.

Come vi state preparando alla rassegna? Avete in animo di venire a presentare la canzone anche in Italia?

Stiamo preparando il tour europeo e l’Italia è chiaramente fra le destinazioni preferite! Speriamo in una data a Roma e nel caso saremmo onorati della vostra presenza e di quella dei vostri lettori.

La canzone che presenterete in concorso è il vostro terzo singolo. A quando il primo album?

Più presto possibile. Il tempo ora è limitato perché gli impegni si sono moltiplicati. Ma dopo il concorso sarà il nostro obiettivo prioritario.

Siete in una semifinale nella quale l’Italia sarà chiamata a votare. Pensate che questo possa aiutarvi? C’è qualcosa che volete dire agli italiani?

Per me personalmente l’Italia è la seconda casa (se non la prima). Ho fiducia che l’Italia voterà per noi perché adora la buona musica e dà molta importanza al testo… E la nostra canzone ha un testo ed un messaggio forte. Votate The Humans! Un abbraccio a tutti!

Oltre 120 interviste ai protagonisti dell’Eurovision (e non solo)!

Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Twitter | Instagram | Google+

Advertisements

Leggi Anche

Parlamento bloccato? E gli onorevoli si godono il maxi ponte fino al ...

Parlamento bloccato? E gli onorevoli si godono il maxi ponte fino al …

È il caso di dirlo: la bella vita. Mentre lo stallo politico prosegue senza sosta, …