martedì , marzo 26 2019
Home / Medicina Oggi / Gli italiani usano troppi antibiotici, le infezioni non hanno più cura
Gli italiani usano troppi antibiotici, le infezioni non hanno più cura

Gli italiani usano troppi antibiotici, le infezioni non hanno più cura

Oms: nel mondo 500mila casi di infezioni resistenti agli antibiotici

Meningite, il sistema per prevenirla esiste e va messo in pratica

Genova – A Ignaz Semmelweiss non credette nessuno. Il medico ungherese nato nella prima metà dell’Ottocento scoprì l’origine della febb

re che sterminava le donne ricoverate nei reparti di ostetricia. Stabilì una correlazione diretta. La morte delle giovani mamme era conseguenza di pessima abitudine: i medici e studenti che eseguivano le autopsie non si lavavano le mani prima di entrare nella maternità. Semmelweiss impose di farlo, con soluzione di cloruro di calce, e il tasso di mortalità crollò. Tanti ringraziamenti? Macché: fu licenziato, bandito dalla comunità scientifica, beffeggiato e deriso. Finì in manicomio e morì per le botte ricevute dalle guardie. La storia sfortunata di Semmelweiss è un preambolo necessario quando si parla dei batteri super resistenti, quelli che si fanno beffe degli antibiotici e contro i quali la battaglia della medicina è sempre più complessa. Perché ci sono le strategie per affrontarli, gli specialisti studiano le armi per debellarli, la ricerca fa sempre passi avanti, anche se l’Italia rimane in fondo alla classifica dei dati sull’antibiotico-resistenza.

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla Newsletter

Leggi Anche

Cristiano Ronaldo, report medico sull’infortunio: come sta, quali sono i tempi di recupero

Cristiano Ronaldo, report medico sull’infortunio: come sta, quali sono i tempi di recupero

Come sta Cristiano Ronaldo? Quanto tempo ci vorrà perché torni in campo? Ce la farà …