lunedì , aprile 22 2019
Home / Viaggiare / Il sogno zurighese
Il sogno zurighese

Il sogno zurighese

Madre dei dadaisti, casa di filosofi e rifugio di scrittori del calibro di James Joyce, Zurigo è molto di più delle sue banche… «È una città vibrante, visionaria, internazionale e catalizzatrice di spiriti liberi. Un luogo, splendido anche a livello estetico, che ti permette di realizzare i tuoi sogni!». Sono le parole di Lucia Filippone, una bella e vivace trentenne ticinese che vi abita a da cinque anni.
«Ho sempre amato Zurigo, dove mia mamma è nata e cresciuta: forse è un amore “genetico?!”» dice riempiendo l’ambiente della sua calda risata. Questa passione innata sicuramente facilita il suo lavoro come area manager per Zurigo Turismo, una professione che la porta a girare il globo per promuovere la destinazione turistica.

Promuovere Zurigo nel mondo

La strada che porta Lucia a Zurigo è fitta di svolte luminose. Include un periodo di vita a Berlino e gli studi alla scuola di turismo di Bellinzona (Ssat). «Il secondo anno alla Ssat prevedeva uno stage che, da persona pazza per l’aviazione, ho deciso di intraprendere all’aeroporto di Zürich-Kloten – ricorda –; finita la scuola la voglia di trasferirmi qua era grande ma la ricerca di lavoro non ebbe molto successo».
Dinamica e intraprendente, Lucia ne approfitta per andare in Olanda a fare un Bachelor in Business Admistration alla Stenden University di Leeuwarden. Il rientro segna l’inizio della conquista zurighese. Dopo qualche anno di gavetta nel settore alberghiero e turistico, ha la chance di candidarsi a Zurigo Turismo come area manager. E stavolta: «Funziona! Mi prendono. Oggi sono area manager per Italia, Regno Unito e Russia».
Il suo lavoro consiste nel promuove- re la città nei suoi tre mercati; un compito non facile ma avvincente, ogni lunedì è diverso e la noia non esiste. «Di questo lavoro amo la componente del viaggio, la possibilità di conoscere persone molto interessanti e di far parte di progetti dove posso mettere in gioco la mia creatività».
Poco a poco, impara ad adattarsi a circostanze sempre diverse. Le differenze culturali si possono notare nel modo di fare business, nel modo di parlare, nei gesti, negli interessi, negli usi e costumi. «I russi sono molto simili agli italiani del Sud, e lo dico con la mia parte di cuore della Basilicata, calorosi e accoglienti. Sono freddi solo al primo sguardo, ma una volta che ti conoscono si sciolgono – spiega –. Gli italiani sono i tuoi migliori amici se parli in italiano, se parli in inglese molto meno. Gli inglesi sono dei signori, se ti sfiorano in metropolitana si scusano subito e se fai un bel sorriso trovi qualcuno che ti porta la valigia sulla rampa delle scale».
Ma anche tra Lugano e Zurigo qualche differenza c’è… «Nonostante l’amore per Zurigo, le abitudini ticinesi-italiane fanno fatica ad andarsene. Spesso vengo ripresa in ufficio per il mio volume di voce, per il mio temperamento mentre gioco a calcetto o per i miei cori da stadio quando la Svizzera segnava un gol ai mondiali. Sono però poi tutti felici quando organizzo un aperitivo».

A misura d’uomo

Zurigo oggi? È una città grande ma piccola allo stesso tempo, tanto tradizionale quanto innovativa, rassicurante e al contempo eccitante. «Grande perché offre tutto ciò di cui si ha bisogno ma abbastanza piccola da essere percorribile in bicicletta».
È una città che tiene alle tradizioni ma allo stesso tempo è ricca di start-up che permettono a giovani visionari di rendere i loro sogni realtà. «È anche molto attenta all’ecosostenibilità: la maggior parte delle persone si sposta con i mezzi pubblici o in bicicletta e la tendenza è la riduzione degli sprechi. Zurigo ambisce a diventare una società a 2000 Watt, senza rinunciare all’alta qualità di vita».

Testa alta e cuore forte

«Viaggiare, come donna, vuol dire libertà e forza. Vuol dire combattere gli stereotipi di una donna che dipende sempre da qualcuno. Lo considero una fortu- na!». L’ottimismo e l’allegria con cui affronta la vita sono contagiosi, il suo leitmotiv è “mantieni la testa alta, mantieni il cuore forte”… «Ogni giorno mi impegno a rendere questa vita speciale. Cerco il bello nelle cose più semplici. Provo ad agire col cuore ed essere empatica con chi mi sta attorno. Spesso agisco d’istinto e faccio scelte un po’ pazze, aggiudicandomi in casa il titolo di tornado».
Lo sport, le fughe con il surf e lo yoga, così come i momenti con gli amici e la famiglia sono ciò che la rilassa e ricarica. Lucia è una donna forte, apprezza la vita urbana ma ama più di tutto il mare e, segretamente, sogna: «una casa sulla spiaggia, una tavola da surf e un cane: chiedo troppo?». Tra dieci anni come si vede? «Felice!».

Leggi Anche

Cologna spiaggia, dialetto amore mio

Cologna spiaggia, dialetto amore mio

Domenica 24 marzo, alle ore 17,00 al ristorante “Baia del re” di Cologna spiaggia, si …