domenica , giugno 24 2018
Home / Medicina Oggi / La banca dati dei tumori così è rinato il Registro

La banca dati dei tumori così è rinato il Registro

IL VENETO DEI VELENI

La banca dati dei tumori
cos rinato il Registro

Riportato a Padova, dati aggiornati ma mancano 7 Usl Il direttore: Priorit ai casi di cancro nel Vicentino

PADOVA L’emergenza Pfas ha scoperchiato i 559 siti potenzialmente contaminati censiti in Veneto dall’Arpav e legittimato timori diffusi di ricadute sulla salute. In prima linea, impegnato a cercare e a dare risposte, c’ il Registro Tumori del Veneto, che la Regione ha riorganizzato dopo l’impasse emersa nel 2010, con dati fermi al 1999 e lo spostamento della titolarit (non della sede fisica, rimasta a Padova) dall’Istituto oncologico veneto all’Usl 4 di Thiene. Oggi, forte di un aggiornamento al 2009 e del rientro nella citt del Santo con il nuovo direttore scientifico Massimo Rugge, che succede alla professoressa Paola Zambon dello Iov e al dottor Angelo Paolo Dei Tos direttore di Anatomia Patologica a Treviso, il Registro sta raccogliendo tutti i casi di cancro registrati fino al 2013 nelle Usl 5 Alto Vicentino e 6 di Vicenza. L’obiettivo capire se ci sia una correlazione con l’inquinamento dell’acqua. Cerchiamo di tenere sotto osservazione una zona particolarmente ansiogena per la popolazione — spiega il professor Rugge, direttore dell’Anatomia patologica dell’Ateneo padovano —. Vogliamo sapere se l’accumulo di Pfas nel sangue possa causare tumore e ho promesso alla Regione di comunicare l’esito dello studio entro il 31 luglio. In America il tumore ai testicoli stato associato all’esposizione alle Pfas, ma le nostre valutazioni preliminari non documentano la relazione tra l’area geografica inquinata e una crescita della neoplasia. Non c’ la dimostrazione scientifica e il nostro approfondimento dovr validarlo. Se confermer l’assenza di rischio oncologico, i dati saranno consolidati. Ma non smetteremo di cercare . Il Registro Tumori del Veneto, accreditato da Iarc (International Agency for Research on Cancer) di Lione che legittima i dati, nato nel 1987 ma il regolamento del 2013. Prima funzionava per la buona volont delle Usl, tre anni fa si passati dal volontariato all’istituzionalizzazione dell’attivit, con una delibera regionale che rende obbligatoria per le aziende sanitarie la trasmissione dei dati e la nomina di un referente ciascuna.

Il Registro entrato nel Sistema epidemiologico regionale, insieme ai Registri Mortalit, Dializzati e Trapianti, ed diventato il pi importante d’Italia per popolazione coperta. Dal 1989 al 2013 il raggio d’azione si esteso da un’area di 1.450.000 abitanti a una di 3,1 milioni su un totale di 4,9 (trend presentato dieci giorni fa all’Oms) e l’obiettivo di arrivare all’80% della copertura entro il 2018. Ma il primo compito di coinvolgere nel sistema le realt che per carenza di risorse umane e materiali ancora non riescono a trasmettere i dati, cio le Usl 4 di Thiene (ed curioso, visto che ha coordinato il Registro), 10 di San Don, 14 di Chioggia, 15 di Cittadella, 17 di Este, 21 di Legnago e 22 di Bussolengo. Un terzo del totale. Il registro non copre ancora tutto il Veneto — conferma Rugge — perch una macchina molto complessa, costosa e bisognosa di professionisti specializzati. Al punto che la met d’Italia non lo ha. Il nostro ha incrementato il personale, ora forte di 14 persone. Il paziente va registrato come oncologico e con il suo itinerario clinico di diagnosi e cura: una volta all’anno i parametri raccolti nelle aziende sanitarie di pertinenza vengono trasmessi al Registro Tumori, che li valida e poi li mette a disposizione della comunit scientifica e della cittadinanza. Cio li pubblica e li rende ufficiali. Abbiamo completato i dati 2009 — aggiunge il direttore scientifico — una latenza non inusuale, perch gli indicatori devono essere validati, analizzati, resi aderenti ai criteri di qualit di Iarc e poi diventano utilizzabili. Inoltre necessitano di codifiche che mutano, ci sono nuove modalit che vanno implementate ma comportano riaggiustamenti organizzativi e quindi attesa.

Il tempo di processazione del materiale non uguale per tutte le Usl, per esempio Padova conta su dati del 2013. E infatti stiamo pensando a un nuovo registro veloce da affiancare al Registro Tumori e contenente dati anticipati — annuncia Rugge —. Servir ad orientare subito le scelte organizzative della Rete oncologica veneta in termini di prevenzione, screening e cura. E quindi la spesa dedicata. Questo registro confluir nel primo e avr i dati con 18 mesi di latenza. Ma cosa contiene il Registro Tumori? Indica l’incidenza di tutti i tipi di neoplasie nelle singole aree del Veneto — precisa il direttore scientifico —. Ci dice se i tumori aumentano o diminuiscono e quali, il sesso dei pazienti, la prognosi di ogni caso. Oggi l’incidenza del carcinoma al polmone, del tumore avanzato del colon e della cervice uterina in decrescita, anche grazie agli screening. Le altre neoplasie sono stabili. Difficile invece provare scientificamente la correlazione tra inquinamento e cancro. Una certezza che il 90% di alcuni tumori maligni della pleura, i mesoteliomi, dovuto all’amianto — rivela Rugge —. E infatti stato dedicato loro un registro a parte. La maggioranza delle cause delle neoplasie resta per ignota. E questo, per adesso, vale anche per l’emergenza Pfas, sulla quale il medico osserva: Le Pfas sono considerate dall’Istituto superiore di Sanit potenzialmente cancerogene, con una classificazione 2B. Ma anche vero che il 30% della popolazione veneta ha nello stomaco dalla nascita l’infezione da Helicobacter pylori, batterio cancerogeno di tipo 1, il pi alto. Solo una minima parte delle persone infette ha il cancro ma l’infezione, dalla quale si guarisce con una terapia antibiotica, entra nella storia del tumore allo stomaco. Questo per il tempo del rischio legato alle Pfas, per noi una priorit.

Leggi Anche

Le persone che non possono sorridere: motivi e conseguenze della ...

Le persone che non possono sorridere: motivi e conseguenze della …

Sorridere è una parte fondamentale del modo in cui interagiamo con le altre persone, ma …