lunedì , luglio 15 2019
Home / Viaggiare / La bella Margarete, sua madre e il killer di Ponte Matteotti | Il processo | Gli altri gialli
La bella Margarete, sua madre e il killer di Ponte Matteotti | Il processo | Gli altri gialli

La bella Margarete, sua madre e il killer di Ponte Matteotti | Il processo | Gli altri gialli

La sua vita era finita in un tunnel, che non era soltanto quello metaforico e fin troppo abusato della droga che ti strappa via l’anima e la dignità, rendendoti schiava di un bisogno quotidiano e rassegnata a subire qualsiasi umiliazione, 30 euro per un rapporto sessuale, in piedi contro un muro, o in macchina, e se il cliente non sta ai patti anche meno, una manciata di spiccioli. No, il tunnel nel quale era finita era reale, concreto.

Lurido, puzzolente. Abitato da zombie barcollanti tra bottiglie di birra e indumenti raccattati nei cassonetti.

Lei, così bella e corteggiata ai tempi del liceo, scappata da una villa traboccante di fiori, come era potuta sprofondare nell’abisso? Possibile che nessuno le avesse teso la mano?

.

Leggi Anche

L'Italia inizia bene all'Europeo di Sitting

L’Italia inizia bene all’Europeo di Sitting

  A Budapest grande esordio della nazionale italiana femminile nel Campionato Europeo di Sitting Volley. …