sabato , agosto 18 2018
Home / Viaggiare / Le 5 verità che ci ha lasciato Juventus-Napoli
Le 5 verità che ci ha lasciato Juventus-Napoli

Le 5 verità che ci ha lasciato Juventus-Napoli

1) La Juventus smette di giocare troppo presto, demerito di Allegri

#Finoallafine. Questo è il mantra che ripetono i tifosi della Juventus, peccato che i giocatori non facciano la stessa cosa sul terreno di gioco. I bianconeri perdono la sfida Scudetto al 90′, per il gol di Koulibaly, e non è la prima volta che la squadra di Allegri perde punti nei finali di gara. È successo due settimane fa in Champions con il rigore conquistato da Lucas Vázquez e nella stessa partita contro il Crotone, la Juventus si è fatta raggiungere dopo aver compiuto il solito errore: smettere di giocare troppo presto, pensando di aver conseguito il proprio scopo. Questa volta la Juventus ha giocato per lo 0-0 e pensava di averlo maturato, fino al jolly pescato da Koulibaly. Non una casualità, non un episodio, visto che negli ultimi minuti – ormai – la Juventus era andata in confusione, perdendo palloni facili sia nell’area avversaria che nella propria. Quasi fosse certa di aver raggiunto il risultato stabilito a priori e aver mantenuto il vantaggio sul Napoli. Non il modo migliore di approcciarsi al finale di campionato, soprattutto se si incorre nello stesso errore. Allegri, infatti, non è riuscito a far cambiare mentalità ai suoi. Come è possibile perdere tutti questi punti nei finali?

Potrebbe interessarti ancheLe pagelle di Juventus-Napoli 0-1: che partita di Koulibaly, Dybala ancora assente

Video – Juve-Napoli e quella volta che l’Avvocato provocò Platini per ‘colpa’ di Maradona

2) Ma Allegri ha ragione: non giocare le coppe fa la differenza

In conferenza stampa Allegri si è fatto sentire! A chi gli chiedeva il perché di questo calo dai quarti di finale di Champions in poi, il tecnico toscano ha messo in mostra la tabella partite, confrontandola ai suoi avversari.

La sconfitta è meritata e non serve presentare alibi, ma se il Napoli è riuscito ad accorciare fino al -1 è anche grazie al mancato doppio impegno settimanale per la squadra di Sarri. Loro sono usciti dalla Champions a dicembre, dalla Coppa Italia a gennaio e in Europa League non si sono nemmeno presentati. Questo fa la differenza a certi livelli…

#####IMG000000000#####

Video – Allegri: “La Juventus deve vincere tutto ogni anno? E gli altri cosa fanno allora?”

3) Koulibaly è uno dei migliori difensori del campionato, avesse più continuità…

Proviamo per un attimo a dimenticarci del gol. È difficile, ma dobbiamo farlo. Ma che prestazione ha fatto Koulibaly? Un autentico muro per i vari Higuain, Dybala, e anche per Cuadrado entrato nella ripresa. Dalle parti del senegalese non si passa, con l’ex Genk che ha chiuso ogni spazio, ogni pertugio. È anche suo il merito se la Juventus non ha mai tirato nello specchio della porta, prima volta assoluta in casa dalla stagione 2011/2012, cioè da quando è stato inaugurato lo Juventus Stadium. Veniamo poi al gol, il che rende tutto fantastico. Peccato che Koulibaly non sia così continuo, basta ricordarsi le amnesie viste in Napoli-Chievo di qualche giorno fa. Lui è uno dei migliori difensori in Serie A, con un po’ di concretezza e continuità in più sarebbe uno dei migliori centrali al mondo.

4) In Serie A c’è competizione: un aspetto positivo anche per la Juventus

Bayern Monaco campione a 5 giornate dal termine, Manchester City campione a 5 giornate dal termine, PSG campione a 5 giornate dal termine, PSV campione a 3 giornate dal termine, mentre il Barcellona aspetta solo la matematica da qualche giornata. Questo è il dettaglio degli altri campionati, mai come quest’anno a senso unico. Se nel resto d’Europa va sempre più perdendosi la competitività, si ha l’impressione che in Italia la forbice tra squadre vada ad assottigliarsi. Demerito dalla Juventus, ma grande merito del Napoli che continua il suo percorso di crescita avviato ormai da tante stagioni, ancor prima dell’arrivo di Sarri. In realtà resta una buona notizia per la Juventus, che avendo un avversario serio in campionato può sperare di combinare qualcosa di più anche a livello europeo.

#####IMG000000000#####

Video – Buffon come Zidane: il cupo destino comune di due grandi campioni

5) Questa è la peggior stagione di Dybala in Italia

Doveva essere la stagione della consacrazione per Dybala, soprattutto a livello internazionale, ma questa rischia di essere la peggior annata dell’argentino in Italia. Se parliamo di gol, l’ex Palermo ne ha segnati 21 in campionato, frutto di un avvio di stagione clamoroso, ma da qualche settimana a questa parte sta girando tutto male al classe ’93. Prima l’infortunio, poi la mancata convocazione con l’Argentina – con il ct Sampaoli che pensa di non portarlo ai Mondiali – fino al mese di Aprile da incubo alla Juventus. La doppia sfida con il Real Madrid, le partite incolore in campionato, fino al cambio al 45′ contro il Napoli. Dybala è veramente sopravvalutato?

#####IMG000000000#####

Video – Hope Solo: “Un Neymar o Messi del calcio femminile? No, noi donne paghiamo le tasse…”

Leggi Anche

In Valvestino si buttano milioni per un tunnel mentre in Italia crollano ...

In Valvestino si buttano milioni per un tunnel mentre in Italia crollano …

Nel Bresciano c’è la più vasta rete stradale provinciale d’Italia. La vita media di un …