sabato , febbraio 23 2019
Home / Sessualità e Amore / Padre, figlio e rock n’roll

Padre, figlio e rock n’roll

«Gli Irlandesi sono i più negri d’Europa, i dublinesi sono i più negri di Irlanda e noi di periferia siamo i più negri di Dublino, quindi ripetete con me ad alta voce: “Sono un negro e me ne vanto!” », ripeteva Jimmy Rabbitte ai futuri membri del suo gruppo in “The Commitments”, bel film di Alan Parker del 1991. E in effetti, sono gli irlandesi, notoriamente cattolici fino al midollo, a sdoganare la religione nel rock n’roll dei bianchi.

Capofila di questa ondata, ovviamente, gli U2. La band irlandese, e soprattutto il suo leader e songwriter Bono Vox sono infatti riuscìti a trovare il mix perfetto tra temi religiosi e attitudine rock n roll, riuscendo nell’impresa di uscirne credibili. Una poetica, questa, che nei primi dischi della band, “Boy” e soprattutto “October”, è forse talmente smaccata da risultare ingenua – dal ritornello in latino di “Gloria” alla salmodiata “40” -, ma che col passare del tempo e l’affinarsi della composizione è in grado di produrre riflessioni spirituali profonde. Due esempi su tutti: “Until the end of the world“, la quarta traccia di Achtung Baby (1991), che racconta la passione di Cristo vista dagli occhi di Giuda Iscariota, il traditore. E “The wanderer”, ultima traccia di Zooropa (1993), affidata alle corde vocali di Johhny Cash, che recita il ruolo di un vecchio chierico errante, un personaggio che rimanda al Vecchio Testamento e al Libro degli Ecclesiasti.

Leggi Anche

Ancona, 23enne stuprata 15 volte dal pusher: nigeriano a giudizio immediato

Ancona, 23enne stuprata 15 volte dal pusher: nigeriano a giudizio immediato

A giudizio immediato, come richiesto dalla procura, il pusher nigeriano accusato di aver stuprato 15 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

− 2 = 5

*