venerdì , gennaio 18 2019
Home / Viaggiare / Paola, Lia, Anna, Monica, Miriam e Lucia insegnano che l’Italia non …

Paola, Lia, Anna, Monica, Miriam e Lucia insegnano che l’Italia non …

L’hanno vinta, persa, rivinta. Le ragazze d’Italia hanno pianto solo alla fine, di gioia. Per questo ci rappresentano, perché vorremmo essere così. Vorremmo che il nostro Paese fosse così: capace, caparbio, sicuro di sé, coraggioso. Sono state tutte queste cose, le meravigliose ragazze della pallavolo che hanno tenuto l’Italia attaccata alla televisione, chi ha potuto. O magari allo schermo di un computer, alla asettica eppure sfiancante successione per play-by-play a cui, a giudicare dagli hashtag, devono essersi affidati milioni di italiani in ufficio.

Se lo sport è metafora, la bravura di Paola, Lia, Anna, Monica, Miriam, Lucia e di tutte le altre è la prova che l’Italia sa ancora reagire alle difficoltà, non piangersi addosso, non darsi per vinta. Erano in vantaggio 24-22 nel quarto set, eppure non ce l’hanno fatta. Erano avanti 14-12 nel tiebreak, ma le cinesi hanno avuto ancora la forza di farsi sotto e di pareggiare. E le azzurre sempre lì, sempre in grado di cercare e di trovare una soluzione. Giovani donne straordinarie. Come spesso, come da anni sta succedendo in quasi tutti gli sport e le specialità, donne capaci di partire nell’ombra e di fare più e meglio di quello che sono stati capaci di combinare gli uomini. E per questo sempre più immagine della nostra bella Italia.

Leggi Anche

Quindici morti e il picco, l'influenza fa paura

Quindici morti e il picco, l’influenza fa paura

ROMA- L’influenza spinge sull’acceleratore. Un “brusco aumento” dei contagi è stato registrato la scorsa settimana …