lunedì , giugno 17 2019
Home / Medicina Oggi / Perché stereotipi transfobici vengono ancora premiati nei videogiochi
Perché stereotipi transfobici vengono ancora premiati nei videogiochi

Perché stereotipi transfobici vengono ancora premiati nei videogiochi

“Ci sono spunti interessanti nella storia di un padre che voleva un figlio e abusa sua figlia per questo, anche senza giocare con questi orribili stereotipi e rafforzare le paure della gente” conclude Kraus. “Molte persone coinvolte in progetti come questo non vogliano ammettere che stanno giocando con situazioni reali e dolorose. Vogliono che le loro storie siano trattate come arte, indipendente della realtà, o come intrattenimento, indipendente da responsabilità. Ma il mondo non funziona così.”

Il genere horror ha un difficile rapporto con ciò che è queer, come con qualsiasi cosa che “non è conforme”. “Il matto”, “il deforme”, “il sessualmente perverso” sono ancora oggi considerati perfetti nemici nel cinema, nella letteratura e nel videogioco horror. Lo slasher Sleepaway Camp è un esempio rilevante: nel colpo di scena finale si scopre che quella che credevamo essere la protagonista è in realtà il killer e che, come dice il film, “è un ragazzo”, costretto a una “transizione forzata” da chi lo ha cresciuto. Il finale di Sleepaway Camp lo mostra come disgustoso, pauroso, pericoloso e bestiale, e in questo la sua visione non è molto diversa da quella di Remothered: Tormented Fathers. Jennifer Felton è queer, è mentalmente disturbata, è pazza.

La verità è che siamo tutti potenziali vittime di una “transizione forzata”. Quando nasciamo viene definito il nostro genere sulla base del nostro fenotipo, quando cresciamo il nostro corpo si sviluppa come pare a lui senza che ne abbiamo controllo, indipendentemente da chi siamo davvero, e i nostri genitori e la società intorno a noi ci educano secondo stereotipi precisi e precise aspettative. Per tante persone alla fine tutto ciò funziona (abbastanza) bene, ma tante altre sono invece costrette in vite che non appartengono loro. Non diventano per questo assassini e il disagio che provano non li trasforma in mostri. Sono invece spesso proprio le persone transgender a rischiare di morire.

Leggi Anche

Eutanasia o suicidio, dietro la fine di Noa c'è comunque una cultura di morte

Eutanasia o suicidio, dietro la fine di Noa c’è comunque una cultura di morte

La vicenda di Noa Pothoven ossia la ragazza olandese che a diciassette anni, non riuscendo …