lunedì , maggio 27 2019
Home / Viaggiare / Talent e ragazzi prodigio: tutti gli artisti nati grazie "Io Canto", "Ti lascio una canzone" e "Sanremo…
Talent e ragazzi prodigio: tutti gli artisti nati grazie "Io Canto", "Ti lascio una canzone" e "Sanremo...

Talent e ragazzi prodigio: tutti gli artisti nati grazie "Io Canto", "Ti lascio una canzone" e "Sanremo…

Spesso si parla tantissimo di talent show come “Amici”, “X-Factor”, “The Voice”, “Italia‘s got talent” e altri, ma quelli di cui si parla di meno sono quelli dedicati ai giovani ragazzi under 18. Infatti dai talent under 18 tantissimi sono i ragazzi che una volta concluso il percorso televisivo sono riusciti a costruirsi una carriera.

Certo non tutti hanno continuato ad essere dei numeri uno, e spesso sono dovuti andare in altri talent “over 18” per poter sperare nuovamente in un futuro artistico migliore. Ecco tutti i ragazzi prodigio che nel corso degli anni sono riusciti a catturare la nostra attenzione.

In principio c’era “Bravo Bravissimo” del grande Mike Bongiorno, trasmissione tv andata in onda dal 1991 al 2002. Il programma dava l’opportunità di vincere una borsa di studio a giovani talenti, italiani ed internazionali  tra i 4 e i 12 anni di età. I giovani talentuosi potevano esibirsi  in varie discipline: canto, pianoforte, danza, giocoleria. Durante la puntata finale del programma ovviamente veniva eletto un solo vincitore. Il format ebbe tantissimo successo, tanto da essere stato venduto anche in altri Paesi tra cui la Spagna, il Portogallo, il Cile e l’Israele. Da questo talent per bambini nacquero tantissimi artisti. Ne ricordiamo uno su tutti: Valerio Scanu.  Valerio partecipò a “Bravo Brvissimo” nei primi anni 2000 e da allora il suo talento è cresciuto sempre di più. Grazie a questa esperienza e al continuo studio del canto, nel 2008 approda alla Scuola più famosa d’Italia, ovvero, quella della regina di Canale 5 Maria De Filippi.

Ti lascio una canzone

Nel 2008 una biondissima Antonella Clerici accende le luci di un altro importantissimo talent per bambini “Ti Lascio Una Canzone” targato RAI. L’idea del format è di Roberto Cenci, che ha voluto creare un talent show incentrato sulla musica per giovani ragazzi tra 10 e 16 anni. L’obiettivo del programma era dare lustro e far conoscere ai più giovani grandi capolavori della Storia della musica italiana. Il pubblico da casa poteva con il televoto votare la canzone più bella, mentre ad assegnare il premio di qualità per la migliore interpretazione era una giuria di esperti composta da cantanti e personaggi dello spettacolo.

Da questo fortunatissimo show sono nati dei piccoli ma grandi talenti. Il Volo (che durante il programma erano “I 3 Tenorini”) sono un gruppo apprezzato in tutto il mondo nato grazie al format di Cenci. Da allora il Volo ne ha fatta di strada. Infatti hanno riscosso grandissimo successo all’estero, hanno cantato davanti al Presidente USA, e poi hanno coronato il sogno italiano di Vincere il Festival di Sanremo con “Grande Amore”  nel 2015.

Quest’anno il trio ha partecipato nuovamente al Festival sanremese aggiudicandosi il terzo posto in classifica. Altri ragazzi prodigio di “Ti lascio una canzone” sono Vincenzo Cantiello e Federica Falzon, che hanno partecipato al Junior Eurovision Song Contest nel 2014, il primo per l’Italia, vincendo, e la seconda per Malta, classificatasi al 4 posto.  Il programma è stato chiuso definitivamente nel 2015.

Io Canto

Nel 2010 la MEDIASET decide che anche per lei è arrivato il momento di sfornare talenti-bambino e quindi decide di dare il via a “Io Canto” con Gerry Scotti al timone dello show. Anche qui il centro di tutto è la musica e i ragazzi. L’obiettivo è trovare nuovi giovani cantanti. I ragazzi di età compresa tra i 5 ed i 16 anni erano accompagnati dall’orchestra diretta prima dal maestro Maurizio Pica e sceglievano loro stessi i brani da cantare. Il vincitore di ogni edizione seguiva uno stage presso la New York Film Academy. Nel 2013 il talent chiude i battenti.

La prima edizione del talent fu vinta da Cristian Imparato, giovane bimbo con una voce incredibile. Per lui purtroppo le cose non stanno andando nel verso giusto e per ora la sua carriera artistica sembra subire una battuta di arresto. La stessa sorte è toccata anche alla seconda vincitrice del talent Benedetta Caretta. Infatti di lei per ora non si hanno tracce significative.

Chi invece non ha vinto ma ha lasciato un segno più marcato è stato Alessandro Casillo.  Infatti subito dopo il Talent di Mediaset, la carriera di Alessandro sembrava decollata. Nel 2012 vinse la sessantaduesima edizione del Festival di Sanremo nella categoria Giovani, con il brano “È vero (che ci sei)”. Tutte le teenager erano pazze di lui. Dopo un breve periodo però le luci della ribalta si spensero e Casillo dovette tornare alla realtà e cambiare mestiere. Come da lui dichiarato è diventato idraulico, ma ora vuole tornare agli splendori di un tempo e sta provando a risalire la vetta partecipando ad Amici Di Maria De Filippi.

Sanremo Young

Nel 2018 Antonella Clerici torna al timone di un nuovo talent per ragazziSanremo Young”. Il nuovo talent è una sorta di Spin-off del Festival di Sanremo e  dà l’opportunità a dodici ragazzi dai 14 ai 17 anni di mostrare le loro doti canore e provare la scalata del successo. Il cast di giovani talenti accompagnato dalla SanremoYoung Orchestra, interamente composta da musicisti tra i 18 e i 25 anni, è giudicato ogni settimana da una giuria di esperti. La giuria è composta da grandi nomi della musica italiana come Baby K, Mara Maionchi, Iva Zanicchi, Enrico Ruggeri, Noemi e tantissimi altri. 

La prima edizione del talent è stata vinta da Elena Manuele che aveva come mentore Marco Masini. Ora la seconda edizioni si sta avviando alla conclusione e presto scopriremo il nome del nuovo vincitore. Il format è ancora troppo giovane per lanciare delle nuove pop star, ma chissà se fra di loro c’è qualche giovane stella in erba che nei prossimi anni brillerà tra i nomi della musica italiana. 

 

InstagramFlipboardGoogle NewsMessengerh1 {
margin:0;
box-sizing: content-box;
height: 26px;
padding: 10px calc(50% – 300px/2);

background-color:

font-size: 20px;
line-height: 26px;
}
#seguici>h1 img {
height: 100%;
vertical-align: bottom;
float: right;
margin-right: 3px;
}
#seguici>h1 img:first-child {
margin-right: 28px;
}
#seguici>h1:after {
position: absolute;
right: calc(50% – 300px/2);
content: “”;
}
#seguici>table {
box-sizing: content-box;
width: auto;
border-collapse: separate;
margin: 0;
font-size:80%;
}
#seguici>table tr {
display: flex;
justify-content: space-between;
max-width: 200px;
margin: 0 auto 1px;
}
#seguici>table tr td:first-child {
line-height:30px;
}
#seguici>table tr td:nth-child(2) {
width: 120px;
height: 30px;
text-align: center;
}
#seguici>nav {
position: relative;
min-height: 80px;

background:

box-sizing: border-box;
}
#seguici>nav ul {
margin: 0;
position: absolute;
left: 0;
right: 0;
bottom: 0;
padding: 0 calc(50% – 300px/2);

display: flex;
justify-content: space-between;

border-bottom: 20px solid transparent;
}
#seguici>nav ul li {
list-style-type: none;
}
#seguici>nav ul li img {
height: 40px;
}
#seguici>nav ul li a {
display: block;
width: 40px;
height: 40px;
color: transparent;
background-size: 40px 40px;
}
#seguici>nav ul li a[href=”instagram.com”] {
background-image: url( https://instagram-brand.com/wp-content/uploads/2016/11/Instagram_AppIcon_Aug2017.png?w=40 );
}
#seguici>nav ul li a[href=”flipboard.com”] {
background-image: url( https://cdn.flipboard.com/badges/flipboard_mrsw.png );
}
#seguici>nav ul li a[href=”news.google.com”] {
background-image: url( https://9to5google.com/wp-content/uploads/sites/4/2018/05/google-news.png );
}
#seguici>nav ul li a[href=”messenger.com”] {
background-image: url( https://it.facebookbrand.com/wp-content/uploads/2018/09/Header-e1538151782912.png );
}
/ Positioning /
/ Desktop /
#seguici {
display: flex;
flex-direction: column;
justify-content: flex-start;
padding-bottom: 20px;
}
#seguici>table {
order: 2;
background:
}
#seguici>nav {
order: 3;
}
#seguici>h1 {
order: 1;
text-align: center;
}
#seguici>h1 img {
display: none;
}
/ Mobile (and AMP) /
@media only screen and (max-width: 55em)
{
#seguici {
display: block;
}
#seguici>table {
position: fixed;
left: 0;
right: 0;
width: 100%;

z-index: 2;

transition: all .3s;
user-select: none;

background: transparent;
border-top: 20px solid transparent;
height: 150px;
}
#seguici>nav {
position: fixed;
left: 0;
right: 0;
width: auto;

z-index: 1;

transition: all .3s;
user-select: none;

height: 50%;
}
#seguici>h1 {
position: fixed;
left: 0;
right: 0;
width: auto;
text-align: left;

z-index: 1;

transition: all .3s;
user-select: none;

background:
url(“https://instagram-brand.com/wp-content/uploads/2016/11/Instagram_AppIcon_Aug2017.png?w=300″) no-repeat top 10px right calc(50% – 300px/2 + 110px),
url(“https://www.youtube.com/yt/about/media/images/brand-resources/icons/YouTube_icon_full-color.svg”) no-repeat top 10px right calc(50% – 300px/2 + 75px),
url(“https://it.facebookbrand.com/wp-content/uploads/2016/05/flogo_rgb_hex-brc-site-250.png”) no-repeat top 10px right calc(50% – 300px/2 + 41px);
background-size:
26px 26px,
37px 26px,
26px 26px;
background-color:
}
#seguici>h1 img {
display: inline;
}

/ Un-Hover (slide chiuso) /
#seguici>table {
bottom: -150px;
padding-top: 46px;
}
#seguici>table + nav {
bottom: -50%;
}
#seguici>table + nav + h1 {
bottom: 0;
}
#seguici>table + nav + h1:after {
content:””;
}
/ Hover (slide aperto) /
#seguici>table:hover {
bottom: calc(50% – 46px – 150px);
padding-top: 0;
}
#seguici>table:hover + nav {
bottom: 0;
}
#seguici>table:hover + nav + h1 {
bottom: calc(50% – 46px);
}
#seguici>table:hover + nav + h1:after {
content:””;
}
}]]>

Leggi Anche

Mauritius: alla scoperta del grande cuore verde

Mauritius: alla scoperta del grande cuore verde

Mauritius è la meta perfetta per una vacanza “attiva” in grado di soddisfare le esigenze …