Home / Medicina Oggi / Welfare in azienda. Fattore umano. Palestra, asilo e medico. Così …

Welfare in azienda. Fattore umano. Palestra, asilo e medico. Così …

Il welfare aziendale è l’insieme di benefit e prestazioni che l’azienda eroga per migliorare il benessere dei dipendenti e dei loro familiari. Dal 2018, tra le misure erogabili, rientrano gli abbonamenti  a treni, autobus e metro. Inoltre, il lavoratore può decidere di trasformare il premio di produttività (che è fino a 4mila euro e tassato al 10%) in misure di welfare aziendale e, in questo modo, viene detassato totalmente.

Bologna, 16 aprile 2018 – C’era una volta il welfare e basta: asilo, palestra, buoni pasto. Oggi ci sono il benessere dei dipendenti, il calcolo della produttività e sempre più smart working – purtroppo il settore è affollato di anglicismi – insomma il lavoro intelligente che bada ai risultati, più che al controllo. Con due pilastri, la proprietà e i capi. A loro è affidata una responsabilità enorme: far fruttare il capitale umano. A Bologna qualche settimana fa su cultura del lavoro e buone pratiche la fondazione Golinelli ha costruito un festival, Nobilita. Grandi manager di aziende italiane – e internazionali, da Barilla a Cir Food a Marzotto – hanno raccontato cosa si muove nel 2018.
 
Più benessere uguale più fatturato. Ce l’ha appena ripetuto anche l’ultimo rapporto Welfare Index Pmi di Generali, monitoraggio su 4mila piccole e medie imprese italiane e le loro iniziative legate a previdenza e sanità integrativa, polizze assicurative, conciliazione vita-lavoro, sostegno all’istruzione dei figli, formazione e sicurezza. L’analisi non lascia dubbi: più i lavoratori sono soddisfatti – anche grazie ai benefit ma non solo – più l’azienda va bene. Nello studio delle Generali il 63,5% degli imprenditori riconosce di avere avuto un incremento produttivo. Ma quanto pesa economicamente il welfare aziendale? Nel primo rapporto Censis-Eudaimon, a gennaio, è stato stimato che se beni e servizi fossero applicati a tutti i dipendenti del settore privato, si arriverebbe a un valore di 21 miliardi. Sanità, previdenza integrativa, buoni pasto e mensa: queste, nell’ordine, le preferenze dei lavoratori. 

“Noi abbiamo la fortuna di avere un’eredità importante che deriva dalla nostra storia. La Fondazione Marzotto è nata nel 1959 – riavvolge il nastro Luca Vignaga, HR manager di Marzotto –. Oggi è una cosa separata dall’azienda. È stata voluta da Gaetano Marzotto. Che ha sempre avuto quest’idea: chi lavorava nelle sue imprese doveva essere custodito, per così dire. Ci sono attività che abbiamo ereditato da allora”. Con qualche difficoltà perché spesso i locali sono d’epoca, ma si cerca di avere attenzione anche allo spazio fisico. Perché, aggiunge il manager, “le neuroscienze dimostrano che l’ambiente è il più grande messaggero di valori in un’azienda“. Gli ingredienti del welfare sono quelli tradizionali. Vignaga elenca: “Diamo la possibilità di scegliere. Pensione integrativa, premi di risultato che possono essere convertiti in buoni spesa, corsi di formazione. Ma credo che il più grande benessere organizzativo sia dato da una leadership attenta alle persone. I lavoratori se ne vanno dalle aziende non per motivi economici ma perché hanno problemi con il capo. La prima grande rivoluzione da fare è questa”. 

Ci credono Rocco De Lucia e la moglie Barbara Burioli, titolari della Siropack di Cesenatico, azienda di packaging con una trentina di dipendenti e un cuore così. Marito e moglie l’anno scorso sono stati nominati dal presidente Mattarella Cavalieri al merito della Repubblica. C’è di mezzo Steven, 22 anni, rimasto senza indennità di malattia dell’Inps dopo 180 giorni di assenza. L’azienda poteva licenziarlo, invece ha deciso di pagargli comunque lo stipendio. “Si metta nei miei panni – racconta con semplicità Rocco De Lucia –. Un ragazzo così giovane ha un tumore, gli esportano un polmone. Mi chiama con un filo di voce e mi dice ‘non ho preso un euro di paga’. Abbiamo fatto la cosa più semplice di questo mondo. Non ci siamo girati dall’altra parte. L’abbiamo aiutato e continuiamo a farlo. Abbiamo fede, deve farcela”. Siropack ha centrato le 5 W conquistando il titolo di Welfare Champion come altre 37 imprese tra le 4mila esaminate dallo studio Generali Italia. Il punteggio massimo per l’attenzione al benessere dei lavoratori e alla sicurezza. Vuol dire, ad esempio, “cinquecento euro netti a persona se il libro degli infortuni resta immacolato – spiega il titolare –. Facciamo impresa da 18 anni, funziona eccome. Ad oggi siamo arrivati a 470mila ore di lavoro senza incidenti”. Ancora, il bonus bebè. “Millecinquecento euro per il primo figlio, 2000 per il secondo. Se uno fa 5 figli? Sono 10mila euro”, non fa una piega De Lucia. Riflette: “Ho 50 anni. Mi piace la gente che ride, che ha progetti, speranze, voglio lasciare un segno. Almeno ci provo”.

Leggi Anche

Trattativa Stato-Mafia, sentenza storica: Mori e Dell'Utri condannati a ...

Trattativa Stato-Mafia, sentenza storica: Mori e Dell’Utri condannati a …

Sette minuti e cinquanta secondi. Tanto ci ha impiegato il giudice Alfredo Montalto per dire …